Avvicendamenti nella fraternità francescana del santuario

DSC_0187Padre Vincenzo Pisanu è stato eletto vicario Provinciale della Provincia dei frati minori cappuccini di Sardegna e Corsica ed è stato nominato Guardiano del convento e Rettore del santuario di Sant’Ignazio da Làconi in Cagliari; solo dopo appena undici mesi di presenza nel santuario della Beata Vergine Noli Me Tollere saluterà i fedeli di Sorso sabato 15 luglio con la celebrazione dell’Eucarestia alle ore 18,30.
Padre Jean-Laurent Guglielmi è stato nominato nuovo Guardiano del convento e Rettore del nostro santuario Beata Vergine Noli Me Tollere in Sorso. 
Preghiamo per il ministero di entrambi i confratelli con i migliori auguri per un fecondo ministero.

JLG

 

Festa della Beata Vergine Noli Me Tollere 2017

Noli-me-tollere-26-maggio-2017-02

Tantissimi fedeli, come ogni anno, hanno partecipato a Sorso al mese mariano dedicato alla Vergine Santissima “Noli Me Tollere”, apparsa, come vuole la tradizione, nel lontano 1208 a un povero sordomuto, che miracolosamente riebbe l’udito e la voce sulla spiaggia di Rena Bianca nel litorale di Sorso e che subito andò ad annunciare al parroco e al popolo l’apparizione; andarono in processione sino alla spiaggia e non videro la Madonna ma trovarono lì una statua della Vergine col Bambino Gesù sulle ginocchia e subito la portarono in processione alla chiesa parrocchiale dove avvenne un altro prodigio: durante la notte la statua della Madonna spariva dalla chiesa e al mattino veniva ritrovata su un olivastro nella campagna appena fuori del paese, e questo fenomeno avvenne diverse volte fino a quando comparve ai piedi della statua la scritta “Noli me tollere” cioè: Non togliermi! Fu costruita allora una cappella proprio dove oggi sorge l’altare del santuario e lì fu posizionata la statua rivolta verso il mare ma di nuovo ci fu un prodigio, la statua veniva puntualmente trovata rivolta verso il paese come voler dire che voleva proteggerlo tenendolo sotto il suo sguardo materno. Finalmente la statua fu messa e lasciata come la Vergine desiderava. Ma i prodigi intorno a questa statua non finiscono mai… Nel 1591 arrivarono in Sardegna alcuni frati minori cappuccini per fondare nell’isola conventi della bella e santa riforma francescana e proprio Sassari fu uno dei primi luoghi ad essere scelto da questi figli di san Francesco, e così avvenne il nuovo prodigio: quando i frati suonavano la campana nel convento di Sassari per chiamare i frati alla preghiera, a mezzanotte come all’alba, a mezzogiorno o la sera, anche la campanella del santuario di Sorso suonava da sola, e questo per tanto tempo fino a quando furono chiamati i frati affinché venissero ad abitare nel santuario e i primi frati arrivarono nel 1608, quattrocento anni dopo che la Vergine posò il suo piede sulla spiaggia a Rena Bianca! Continua a leggere

Festa di Nostra Signora di Lourdes

In occasione del 159esimo anniversario della prima apparizione dell’Immacolata a Lourdes, nel santuario mariano di Sorso, custodito dai Frati Minori Cappuccini, è stata organizzata una giornata di festa e di preghiere soprattutto per gli ammalati. La giornata dell’undici febbraio è stata preceduta da una tre giorni con catechesi date dal Rettore Padre Vincenzo Pisanu, sul “Messaggio di Lourdes”: gesti e parole che si sono scambiate la Vergine e Bernardetta, alla Grotta di Massabielle, nel corso delle 18 Apparizioni, dall’11 febbraio al 16 luglio 1858.

L’undici febbraio il santuario “Noli Me Tollere” è stato meta di continue visite da parte di persone anziane e malate e al pomeriggio la chiesa era gremita di fedeli per la preghiera del santo Rosario, dei Vespri e della santa Messa per gli anziani e gli ammalati; dopo la celebrazione Eucaristica si è voluto rievocare il clima di Lourdes con una breve processione Eucaristica e dopo la benedizione si è terminato con l’Inno alla Madonna di Lourdes e la fiaccolata.

Promessa degli Araldini nel Santuario

aradini-sorso-2016La fraternità degli Araldini di Sorso ha vissuto un importante momento di festa. Sabato 19 novembre, primi vespri della solennità di Cristo Re, cinque bambine hanno emesso la loro promessa nel corso della celebrazione eucaristica che si è svolta nel santuario “B.V. Noli Me Tollere“. La Santa Messa è stata presieduta da Padre Antonio Atzori, assistente spirituale della fraternità Ofs di Sorso. Miriam Mallao, Rebecca Mallao, Chiara Delle Monache, Matilde Franca, Gemma Chessa hanno scelto così di entrare a far parte della famiglia francescana impegnandosi a vivere i momenti di formazione e tutte le attività che verranno loro proposte. A Sorso la realtà degli Araldini è composta da circa 20 bambini. La maggior parte di loro ha un’età compresa tra i 6 e i 10 anni. Sono seguiti costantemente sia dall’Ofs sia dalla Gifra e accompagnati passo dopo passo nel loro cammino di crescita umana, cristiana e francescana grazie a un itinerario formativo organizzato a livello nazionale. Importante sottolineare il fatto che tale percorso non intende essere una copia o un’alternativa del catechismo che i bambini seguono nelle loro rispettive parrocchie: gli araldini e i loro genitori sanno che si tratta di un percorso di gioia e di fraternità per conoscere Gesù più da vicino grazie a Francesco e Chiara. Durante questo percorso vengono proposti i convegni e i campi organizzati a livello regionale e livello nazionale: eventi che permettono di toccare con mano l’esistenza di una fraternità più grande rispetto a quella di livello locale. La fraternità degli Araldini, presente a Sorso da alcuni anni, si sta confermando come una realtà importante anche per avvicinare i genitori alla vita ecclesiale e, in particolare, alla conoscenza del carisma francescano.